diario V: Cina 1  parte 1

pag diario V-0001

 

 Cina  pag 01 

Mare 26 - IV - 23

 

Al mattino mi sveglio in pieno golfo del Siam di mattina presto è piovuto ancora ma ora rasserena. Oggi sento qualche canzone nel grammofono di bordo. Io stesso canto solo, come posso canto tutto il giorno non so perché. A sera incontriamo l'isola Way. Di notte non c'è vento e c'è una bella luna alla quale mi intrattengo a parlare delle cose belle del mondo. E' una notte veramente dolce e mi corico tardi solo guardando il ... mi cascano le palpebre.

 

 

pag diario V-0002

 Cina pag 02 

Mare Cina 27- IV - 23

 

Il vento c'è giriamo un poco contrario alle 10 avvisto l'isola di Obi e lontano il capo ... sud della Cocincina cioè Capo ... attorno al quale giriamo tra le 11 e mezzogiorno prendendo direzione 70 gradi nord. A sera tardi appaiono gli scogli detti Fratelli e avvisto l'isola Condor dal nome che mi risveglia ricordi dolci ... ... Di notte sto beato alla luna che è più di mezza e mi vedo sfilare tutta l'isola di Condor con il profilo delle sue montagne appena emergenti dall'orizzonte e penso alla gioia di possedere per me solo un'isola come quella dove ritirarmi per lungo tempo e ritornare migliore tra gli uomini. Se mia mamma sapesse questo mio pensiero crudele! Mi perdo in un sonno candido come la luna che m'ha baciato per lunghe ore mentre io ascoltavo il frusciare dell'elica e guardavo la scia che lascia come cammino di giada orlato di spuma sul mare di ebano, con l'isola grigia lontana inondata di luna.

 

 

diario V-0003.jpg

 Cina pag 03 

Mare Cina 28- IV - 23

 

Stanotte è piovuto per poco tempo, quando mi sveglio la nave stilla ancora e il cielo è corrucciato. Un vento forte che va aumentando ci viene incontro e il battello rulla. Appare presto terra con le vette di montagne e alle 11 tagliamo al largo di Capo Kega colline basse cespugliose con tagli chiari sabbiosi presso la costa simili a crepe crateri in un mondo verde. Tutto il giorno sfiliamo montagne e coste piane (Cecir de terre). A sera un isola bassa a pietre monolitiche giganti e sparpagliate e con prati verdi desolati di alberi appare passiamo presso e vedo il mare che spumeggia furioso contro gli scogli. Non so perché mi piace quell'isola deserta con quel prezioso tappeto verde che piace alla mia anima di pastore. A qualche miglia nella terra si apre una vallata immensa .. con monti azzurrini in lontananza e ai lati le si ergono monti alti l'uno nero e ... ... di bosco, l'altro soleggiato e lucente negli ultimi

 

 

diario V-0004.jpg

 Cina pag 04 

Mare Cina 28- IV - 23

 

Raggi del sole che lo fanno di puro smeraldo. La catena di qui si spinge sul mare contro alla nostra rotta verso capo Padoran (l'estremo capo) e le sue punte le spinge in una cortina di nubi vaganti e grigie. La pianura che si apre invita così che può foggiare il nostro sogno pieno di alberi belli e di mistero. I fianchi della montagna sono morbidissimi e pieni di verdura una casetta se non trasogno appare su un balzo e guarda attonita quel mare dei tifoni. Larghi torrenti sabbiosi allungano le deiezioni verso il mare, presso il capo. Appaiono scogliere in fondo alla china Il grande edificio colla torre dal foro bianca appare molto in lato sul capo estremo, oltre il quale la costa si allontana e case (o macigni?) sono disposte sulla china. Oltre un golfo stende il suo arco e lontana nelle nebbie del tramonto altri monti grigi e valli aperte, e monti e nubi bianche e bige.

 

 

diario V-0005.jpg

 Cina pag 05 

Mare Cina Sud 28- IV - 23

 

Un vento che magari ci viene sempre incontro solleva onde turchine su quel mare profondo, e le onde orlate, di spume soffiate dalle raffiche, s'avventano contro la prua e gettano spruzzi d'acqua salata fin sul ponte ma la prora del nostro piccolo vapore procede sicura e la rabbia degli elementi s'infrange vana -tramonto grigio vediamo sempre terra anche di notte e l'alto faro di C.P. ci segue fino a notte tarda. Incontriamo un piroscafo che conversa con la luce col nostro. La luna luminosa naviga in laghi azzurri ... ... ... cumuli a veli e cirri bianchi. Il piroscafo beccheggia molto. Passo alcun tempo a poppa al riparo del vento solo soletto a godermi l'altalena del mare, mentre sotto di noi l'elica in certi momenti quasi emerge gettando torrenti di acqua e di spuma. Studio ritirato nella cabina fino a tardi.

 

 

foto 01406

foto 01407

diario V-0006.jpg

 Cina pag 06 

Mare S. Cina 29- IV - 23

 

Nella notte è piovuto ma di giorno spende un sole vivo. Lasciamo alle 6 il capo Verella a 20 miglia di distanza. A notte la luna prima splende e consola esalta la mia meditazione sul castello di poppa, seduto solo fino a notte tarda conversando con le stelle. L'α della N... ... presso la croce del Sud mostra tutta l'iride nel bagliore della sua luce vivida. Antares sembra un rubino triste impergnante un grappolo di smeraldi L'orsa è altissima. ... di auriga appare per la prima volta in quest'anno e i gemelli son già al tramonto. Nella luce piena ... la costellazione N... Argo con la croce del Sud ed i centauri risplende come una manciata di diamanti sparsi a caso nel cielo. Un uccello passa e ripassa più volte a poppa ha le ali snelle di forma sconosciuta, ha il dorso bianco e sotto è scuro. Ha due lunghe piume piume di coda bianche il collo lungo, è un albatro talvolta le sue ali remiganti e e scure si perdono nella notte ed egli appare come un mostro senz'ali. Il mare sembra un cristallo nero ondulato appena, lucente la sera invece è azzurrina e nella luce .... le spume splendono lattescenti. Vado a dormire a malincuore.

 

 

diario V-0007.jpg

 Cina pag 07 

Mare Cina 30 aprile - 23

 

Forse è il penultimo giorno di navigazione. Il mare ... mi interessa. Al mattino piove un poco. Alle prime ore della notte mi siedo al mio posto di poppa sotto la luna che stanotte giunge nella sua pienezza. La luna naviga su un mare turchino terso tra la Verginee la Bilancia. Dopo poco il cielo si riempe di pecorelle portate dal vento da E a W un nembo si forma sulla nostra rotta. Poi qualche cirro finisce, prima fermo poi pettinato in riccioli lanosi e strisce ... portato da venti da W a E. e il rombo lampeggiante ingrandisce, morde tutto il collo gravido di minaccia mentre il vento soffia ineguale e il mare si agita in modo inquietante. Nota: osservare e domandare della costumanza millenaria Cinese delle società segrete e confronta con il Nord America Studiare il propagarsi dei cinesi verso l'India con le prime guardie a Calcutta.

 

 

diario V-0008.jpg

 Cina pag 08 

Mare in Hongkong 1 maggio 23

 

Tutto il giorno vento da NE e mare agitato. Verso le 4 appare la prima isola dell'arcipelago di Hong-Kong e appaiono gli arditi velieri ... a fondo piatto che si bilanciano sulle onde grandi curvati sotto lo sforzo della vela ad ali di pipistrello. Più tardi alte isole appaiono e che si moltiplicano grandi e piccole verdi e brulle, sormontate o no di case. Le vele diventano infinite, appaiono nella corona di isole che chiudono uno specchio più calmo le piccole barche a vela Sembra un lago in tempesta pieno di ali spaurite coronato di verdi manti anneriti dalla pioggia. L'acqua è chiaretta e all'orizzonte è più luminosa, contro l'isola più luce che strafora dalle nubi.

 

 

diario-V-cina-0009.jpg

 Cina pag 09 

in Hongkong 1 maggio 23

 

Tutto il paesaggio è nebbioso e le cime più alte entrano nelle nubi. Arrivo all'isoletta del faro. Entro improvviso in Hong-Kong dal lato occidentale ...già piena di nuovi arrivati giunche e sampan a vela montagna nera minacciosa nella prima oscurità della sera doks illuminato, luci che si accendono su per il colle- case accavallate come a Genova. Nero prevalente come colore piroscafi fumaioli rossi gialli a righe celesti gran vele cinesi sciabordii di acqua tinta contro le carene della nave schiaffi contro le poppe piatte delle imbarcazioni cinesi. Voci di sotto da uno o due sampan che si sono appiccicate alla nave coi roncigni. Arriviamo alla nostra boa e ci ancoriamo. Le tenebre arrivano improvvisamente ed io assisto all'illuminarsi progressivo delle case, delle verande delle vie, è la vera moltiplicazione

 

 

diario V-0010.jpg

 Cina pag 10 

in Hongkong 1 maggio 23

 

delle luci. Alcuni edifici che per le verande a più piani sembrano i nostri grandi molini o fabbriche di grandi industrie sono punteggiati di lampade che ne mettono in evidenza ogni contorno sopra sono sormontate da sigle cinesi. Dopo poco tempo carico il mio bagaglio su di una ........ e veleggio verso terra (perché la nave è ancorata al largo nella rada). Il vento sbatte la vela si che lo scafo leggero si inclina paurosamente sfiorando con un bordo l'onda. Ogni tanto la barca passa a poppa di qualche nave o veliero a riparo del vento ... si raddrizza e poi, investita di nuovo si gonfia e si abbatte mentre io tremo per i miei bagagli che guardano l'acqua con gran voglia di calarvisi.

 

 

diario V-0011.jpg

 Cina pag 11 

in Hongkong 1 maggio 23

 

Mi imbarco subito sul piroscafo per Canton il piroscafo è stipato di Cinesi e di merci, Da quella bolgia esce un odore tra il vomito la cipolla e la droga. Vado a passeggiare per Hong-Kong senza interessarmi ... della gente delle donne in calzoni, le giovani talvolta ben vestite con piedini graziosi ben calzati all'europea e calze seta ben tese. I vestiti son leggeri e hanno un che di svolazzante e di adattabile alla forma umana. Le trecce sono a coda piuttosto rigide e legate da nastri strettissimi rosso cremisi. Però quelle facce di luna non mi vanno. Per le strade si vendono frutta di ogni genere. Attirano la mia attenzione le pere che dall'Europa non vedo. Passa un'orchestra ambulante che cammina intanto che suona, vi sono anche donne anzi è tutta una famiglia che

 

 

foto 01450

foto 01451

diario V-0012.jpg

 Cina pag 12 

in Hongkong 1 maggio 23

 

Cammina con strumenti cinesi che danno suoni che somigliano un po' al balbettio cinese. Una seconda orchestra viene in senso inverso, qualcuno sotto un portico vicino si mette pure a suonare e ne nasce un putiferio in cui non so come possa ciascuno mantenere il suo tempo e non urtarsi da noi farebbero a pugni per vedere a chi tocca. Parto alle 22. Allontanandomi vedo le luminarie a righe e piani di Hong-Kong fantastica coi ristoranti cinesi che sfolgorano di luci. ... una linea di luci sulla montagna indica una strada quasi in vetta Lassù sulla vetta case più alte la luce è più celeste mentre in basso è rossastra. Da lontano i lumi delle navi e alla sommità degli alberi si muovono sulle trame dei lumi fermi della città, e gli alberi delle navi

 

 

diario V-0013.jpg

 Cina pag 13 

in Hongkong 1 maggio 23

 

Invisibili passando sui lumi le coprono brevemente e ne nasce uno sfarfallio inesplicabile a tutta prima. Un signore che sa il francese mi parla delle piraterie che commettono i cinesi da qualche tempo e della possibilità che noi stessi questa notte siam preda con tutto il battello dei pirati. Soldati Sikh (indiani) fanno la guardia ... di fucile, e i cancelli sono chiusi. 3 settimane fa su un battello si son rivelati i pirati fra i passeggeri di 3° armati, hanno gettato in mare i guardiani indiani e poi hanno depredato i passeggeri e preso tutte le mercanzie. A Canton .... pirateschi frequenti così sembra di essere ai bei tempi dei romanzi di Salgari. Io trovo che ciò è sommamente interessante, però per la guerra civile i treni non funzionano e non potrò andare all'interno a Chia Chow

 

 

diario V-0014.jpg

diario V-0013bis.jpg

 Cina pag 14 

Canton 2 maggio 23

 

Il battello arriva a Canton sul mattino alle 6. Io mi alzo alle 7 e sto sul ponte a vedere la vita del fiume delle perle che ... e passa sulle acque limacciose nuvole di barche accostano, prendono i passeggeri di 3° classe che hanno la loro casa su quelle barche o li traghettano sull'altra riva. La gente e i bagagli volano dall'una all'altra barca accostata fino a raggiungere la designata Eppure le barche indietreggiano in quel caos. Si arpionano l'un l'altra per tenersi nella corrente rapida che vorrebbe portarle via, si legano e si slegano per afferrare la corda di un altra finchè trovano posizione. ... ... accostano e riempiono i loro ... dei sacchi di riso delle balle e ... di merce che deve proseguire dal battello su per il fiume a Fa Fashan e oltre. Siccome piove molti hanno un acconciatura di paglia addosso che li rende simili a .... Le donne se non hanno il gran cappello a scudo che

 

 

diario V-0015.jpg

 Cina pag 15 

Canton 2 maggio 23

 

serve da ombrello mettono un fazzoletto nero come il vestito ripiegato più volte e messo di piatto, fermato da una collanetta. I poveri bimbi legati alla loro schiena son sballottati ... e seguono la dura madre mentre porta pesi o rema o si china in alto da una barca all'altra o brandisce la lunga canna di bambù uncinata per abbordare. Un cicaleccio di voci che qualche volta sembrano strilli di scimmie giunge nuovo e curioso alle orecchie non abituate. Scendo in un hotel cinese per curiosità e perché è vicino all'imbarcazione. E' il più alto edificio di Canton ... è animato da una vita strana ogni ... è un formicaio di gente cinese. Donne fanciulli e poveretti capi di partiti politici scortati da soldati armati col dito sempre vigile sul grilletto della pistola. Credo che quella giovinetta in calzoni e giacca di seta a fiori che ... e

 

 

diario V-0016.jpg

diario V-0016bis.jpg

 Cina pag 16 

Canton 2 maggio 23

 

fanno chiasso non siamo fra le più serie di Canton e mi pare girino troppo liberamente fra le camere. Nessuno se ne meraviglia si ride molto qui dentro e ... di riso e grida che non sono più di solo riso escono dalle camere aperte in alto, divise una dall'altra da pareti sottili di legno. Camerieri numerosi, con banchi ad ogni piano, soldati ragazzi e genti ... in seta verde alla cinese antica e più alla moderna con baffi alla tartara ... ..., sono fermi davanti alle porte, non tutte chiuse ... ... come nella strada la vita di camera è più pubblica che intima. Si lascia facilmente la porta spalancata su quella specie di strada che è il corridoio di un albergo babilon e si sta volentieri sulla soglia a bighellonare a ridere e scherzare con qualcuno che passa a perdere quell'accidenti di tempo che nella vita pur breve non vuol passare.

 

 

diario V-0017.jpg

diario V-0017bis.jpg

 Cina pag 17 

Canton 2 maggio 23

 

Sarò un po’ riprovato se come europeo non sono andato al Vittoria in Shanceen ma trovo che è interessantissimo mescolarsi talvolta in questi caos e mi dispiace di non essere rimasto più a lungo a curiosare. Vado a trovare il sig. Attilio Raggio che fa le veci di console nostro e poi l’amico Gandossi che mi fa visitare un laboratorio di prova delle sete dove un filo si svolge da una matassa a intreccio giapponese a pressione su un asta --- --- si avvolge a un rocchetto. Si prova quante volte il filo si spezza in un certo tempo nella tensione per svolgere e avvolgere, fondo nero si stende il filo per l’esame dell’uniformità. Vi sono --- per la --- alla trazione e altre. Porto con me per ricordo una bella matassa che sembra di capelli bianchi finissimi. A mezzogiorno sono invitato dal Sig. --- a sera a pranzo da Gand. che ha --- delle più belle case di Shanceen con un gran salone mobiliato alla cinese. Di giorno piove a dirotto sempre --- --- le alberature belle di Shanceen e --- via della città cinese, ma rimanda --- ----

 

 

foto 01408

foto 01410

foto 01411

foto 01412

foto 01415

foto 01416

foto 01417

foto 01418

foto 01419

foto 01420

diario V-0018.jpg

 Cina pag 18 

Canton 3 maggio 23

 

pasticcerie vaste, quadre ricami quadri seta e crêpe di lino in aguile, pavoni tigri e cervi stilizzati magnifici scialli – cappe corte e ricurve broccati, cappe mandarino e cappelli mand nero a fiocco rosso con palline vetro, --- colore estivo. cinture, fasce- ornamenti vari donne con bambino a spalle e cappello ombrello Via delle sete, ricami e venti mandarinali Via dei mobili scolpiti legno nero o naturale con tavoletta marmo con pietre incastrate Frutta assortitissima disposta --- Portatori di ---- che gettano un grido a intervalli regolari o cantano e non urtano mai nessuno nelle vie strette Sorta di taverna da tè o da gioco --- ovunque rumore di monete Negozio di lacca dove assisto al dipingere miniato paziente con lacche a colori neri rossi ecc. Pulitura paziente e perfetta del legno prima – essiccazione

 

 

diario V-0019.jpg

 Cina pag 19 

Canton 3 maggio 23

 

Tempio 500 buddda Entro per porta con tetto cinese cortile con 2 stagni pietra poi per cortili e corridoi colorati pietra si arriva a porta guardata da guardia e si entra nel edificio --- --- --- Inglesi negano statua M. Polo ma se M. P. fosse stato inglese non lo negherebbero [disegno con didascalie] Dei B ma in --- alto ve ne sono con le mani in tutte le posizioni --- e le gambe idem -- --- --- alla mongola alle cinesi dell sud tutti faccioni lieti o fieri con baffi di --- --- --- --- ---

 

 

diario V-0020.jpg

 Cina pag 20 

Canton  3 maggio 23

 

o vessilli con lungo gonfalone carta nomi o segni neri – Uno è seduto su un leone --- felici di 4 figlioli siamo davanti a vasi con stecchi di sandalo brucianti Il soffitto tempio è a pittura --- legno e tavole, la pittura sui muri anneriti per la tinta caffè unto che vi ha sovrapposto il tempo rappresenta draghi verdi azzurri e rossi campo rosso. Nel centro pagoda di Chi Jang con 4 statue budda --- ai 4 lati della cella. Riesco sul cortiletto con erba tra le pietre. Tetti a cordoni contornati frangia celeste 2 cortile tempio 2 templi 3° idem lanterna --- illuminante traliccio con quadretti conchiglia vetro Tetti svasati ai 4 angoli campanelli sulla pagoda contro spirito male. Su tetto draghi spiriti protettivi

 

 

diario V-0021.jpg

 Cina pag 21 

Canton 3 maggio 23

 

Tempio Mimisin (canne di medicine) del dottore? Atrio sono colonne legno finemente scolpite con bandoni e lettere capitelli e travi cinesi, tabelle nere a orlo lettere oro. cortiletti scoperta pietra con 2 vasi con foglie fior di loto e pagodette tetti doppi colonne pietre e figure drago avvolte a spirale con una palla di pietra nella bocca, mobile e che non può uscire portichetto con altre 2 colonne legno a figure draghi e campane e bonzi --- intagliati fondo rosso rilievi oro – capitelli fatti da specie di mensola angelo invece di una porta c’è --- nero pietra iscritta con storia tempio sopra --- cinese tutto a uccelli intorno basso rilievo a draghi magnifici

 

 

diario V-0022.jpg

diario V-0022bis1.jpg

 Cina pag 22 

Canton 3 maggio 23

 

entro nella città Tartara e --- alla pagoda situata in un cortile poligonale con alberi e --- e vasi - braceri a baldacchino con --- e formelle ripiene scolpite – nella parete affreschi a tinte forti profonde. Kim lett loy e poi serie di 8 tetti – la pagoda sembra un nostro campanile ed è sormontata da --- --- metallico - --- giardinetto --- --- --- fienili, scogli e laghi, ponti alberelli --- con pianticelle, laghetti- con varietà di piante – Preso c’è scuola dove i bimbi cantano.

 

 

diario V-0023.jpg

 Cina pag 23 

Canton 3 maggio 23

 

La città è piena di soldati --- nera o Kuki, gli ufficiali hanno pistole Maser e le portano in ---. C’è la rivoluzione in casa e non si sa mai si teme una battaglia da un momento all’altro. carta cinese dal gelso e dal bambù carta detta di riso che non è riso smaltare – geminare – laminare- cesellare- --- Alle 13 sono all’isola Sheneen quartiere europeo e vado a pranzo col Signor Attilio Raggio e col Comm. Volpicelli Murray-Handbook for Japan Opere di Lafcadio Hearson

 

 

diario V-0024.jpg

 Cina pag 24 

Canton 3 maggio 23

 

Nel pomeriggio visito ancora la città cinese vado a vedere il quartiere dove lavorano la giada, la pietra somiglia al marmo con qualche opalescenza verdina. Il blocco ha una bella grana cristallina. In bottegucce la pietra viene segata in fette, da queste con macchina tutta --- a pedali e spaghi corde --- --- --- e mandrini viene tagliata in anelli di sezione quadra che vengono smussati, arrotondati passati al pulitoio che li rende lucenti e i braccialetti son terminati altri lavorano --- i cammei o torniscono per farne perle di giada per orecchini o bocchini flauti monili di ogni specie o bocchini per strumenti manici coltelli ecc. Nel quartiere dell’avorio infinite botteghe e bottegucce tagliano squadrano e cesellano il prezioso elemento e ne fanno statuette, figurine bambini --- traforate --- --- per collane, scatole di ogni specie

 

 

diario V-0025.jpg

 Cina pag 25 

Canton 3 maggio 23

 

tagliacarte; sfere multiple l’una nella cavità dell’altra tirate con non so quale sistema magico. Sono fino a 8 sfere talvolta l’una nel cavo dell’altra, comunicanti tra loro e con l’interno con piccoli fori. alcune lisce, altre ricamate e intagliate. Ventagli con sete, bonzi, mandarini, Budda panciuti e ridenti scimmie tigri e gran corvi (blocchi domino e dadi) E’ bello vedere lavorare con i ferri a punta talvolta acuminati e i torni a pedali col ferretto di taglio per tornire maneggiato dalla mano abile poi i pezzi puliti con spazzole nell’acqua a lungo. Vi sono bei negozi con esposizioni interessanti di oggetti finiti. Altre botteghe sono intente alla lavorazione delle ossa. Queste sono pulite e segate, dalle grandissime se ne tirano delle vere tavolette squadrate e lisciate, i piccoli sono poi ritagliati e intagliati e piallati scalzati, cesellati per ogni sorta di lavoro, dal bocchino alla scatoletta o cose imitazione avorio talvolta a bei colori --- --- ---

 

 

diario V-0026.jpg

 Cina pag 26 

Canton 3 maggio 23

 

In un'altra invece lavorano la madreperla e anche qui segano le grosse conchiglie poi estraggono i prismetti dai quali poi ricavano l’oggetto finito ninnoli scatolette, pendagli medaglie orecchini bocchini e lastrine che servono poi pere gli intarsi dell’ebano. Con un’arte speciale danno alla madreperla una colorazione rossa amaranto o verdino chiaro freddo bella che la rende preziosa alla vista. Così si lavora pure l’ambra e una pietra lilla che sembra ametista. Certi negozi sono attraenti per tutte queste piccole belle cose esposte altre poi che hanno un po’ del rigattiere hanno caselle ripiene di lavori in pietre dure o marmi o talchi, e pietre colorate trasparenti di bell’acqua come sigilli figurini o ninnoli di ogni sorta (fabbrica intagli piani) Altra attrazione le botteghe numerose (tutte con stesso ---)

 

 

diario V-0027.jpg

 Cina pag 27 

Canton 3 maggio 23

 

dove si ricama sulle sete o sulle stoffe o si compongono arazzi o vestiti a mano e riporti o stoffe, bordature varie. E’ bello vedere l’artista che dal disegno su carta ricalca questo sulla seta colorata e poi con un pennello con una destrezza impareggiabile segue (appoggiando le mani a uno sopra--- --- sospeso col pennello verticale) il rl ricalco lieve e traccia con sicurezza la linea precisa indelebile, sulla quale un altro passerà il filo d’oro, d’argento o di seta. Un altro sta ritagliando pezzi di seta non più grandi di ali di farfalla (divise dai colori vivaci) per comporre i mosaici di stoffa a riporto che danno gli effetti meravigliosi di certe bordature cinesi. Su grandi liste arazzi vengono fissate strisce e specie di borchie d’oro, filettature d’oro e --- --- è ricamato a draghi --- di colori così ben fatti da dare effetti cangianti. L’operaio si prepara le agucchiate di sete e filo --- --- con gran cura sapendo di maneggiare materie rare e preziose

 

 

diario V-0028.jpg

 Cina pag 28 

Canton 3 maggio 23

 

In mezzo a questi negozi dove al rosso, l’oro, l’azzurro sulle sete cangianti appagano la vista e meravigliano. Ci sono negozi con belle pitture e quadretti ---, graziosi, antichi o imitazione modesta e posso vedere gli artisti all’opera maneggiare il pennello con destrezza sbalorditiva. Pitture vetri a smalto inchiostri china. Da certe botteghe esce un forte profumo di sandalo, il legno prezioso è esposto in tocchetti in vasi d’ottone come --- --- --- corna di cervi. Alcuni uomini con piccole pialle lo scorticano lo lisciano ne tirano tavolette, ---, stecchi che ulteriormente lavorati intagliati e scolpiti e cesellati danno i fini lavoretti e scatole e figure del legno profumato. Anche grandi quadri vengono scolpiti a bassorilievo e altorilievo. La segatura è raccolta con cura e e ridotta in poltiglia con altra sostanza per gli stecchetti da accendere nei templi in un quartiere sono tutti --- ---

 

 

diario V-0029.jpg

 Cina pag 29 

Canton 3 maggio 23

 

comune e apprezzata è la casa di porco un odore nauseante esala mescolandosi al già poco gradito odore cinese – in certe vasche i pesci sono tenuti vivi --- di ogni forma, granchi sono infilzati a rosario su strisce di corteccia di bambù tenero. alcuni pesci sono squartati con sveltezza e gettati sanguinanti con le carni perlate sotto gli occhi del cliente che ne è invogliato. Pastine di riso e di pasta cinese che hanno un aspetto di latte cagliato --- frittelle e stiacciate e pavimenti a stucchi che rivoltano lo stomaco al solo guardarli sono esposte sulla strada al contatto col mondo la pioggia che viene dall’alto e ammollisce ogni cosa. Descrivere taverne cinesi. Arrotini numerosi in una stessa bottega Sale da gioco coi soldati che fan pagare tassa a chi deve giocare rumore di denaro metallico. In certi

 

 

diario V-0030.jpg

 Cina pag 30 

Canton 3 maggio 23

 

negozi il denaro viene diviso e gettato come fosse grano da --- metalliche e fatto ballare non so per che cosa. Da detti posti esce un tintinnio grazioso certe monete forate sono infilate in collari e gettati in mucchi. Qui sono affetti da sovrabbondanza di denaro metallico da riempirsi le tasche che divengono pesanti e si --- a noia. Mi domando se il cinese che è così squisito nell’arte tradizionale ha un anima e perché è per noi inafferrabile. Appesa ritorno dalla città cinese vado a vedere qualche barca adibita a casa, caratteristica Sono barconi detti sampan a copertura semicircolare a tavole di legno e stuoie, con un pezzo di tetto mobile che si cala sul davanti per il sole o per il vento. Dentro c’è un pavimento lucido di tavole che si può levare per sedere sui bordi. Vi sono scansiette e arredi sulle pareti e contro il tramezzo che divide la barca in due con utensili e vasi ben disposti fasciati perché non caschino col rullio e con frange di ornamentazione, quadretti e quadri di Budda con fiori. C’è un cane da guardia legato. Sul davanti c’è un altro solo ripostiglio che serve anche per trasporti merci e passeggeri che traghettano. Impermeabile paglia spiovente quando piove.

 

 

diario V-0031.jpg

 Cina pag 31 

Canton 3 maggio 23

 

C’è in talune grandi il giardinetto pensile e reparto per il maiale, anatre e capretta. (Un --- --- ---) I bimbi giocano dentro, hanno un legnetto legato alla vita che li tiene a galla fino a che sono ripescati in caso che cadano. La barca è condotta dalla madre che agita il remo posteriore come una coda di pesce per avanzare e per muovere quel --- timone la donna piantata nel suo scheletro indurito si agita scapigliata, anche se legata al suo dorso da una fascia sacco tra il bimbetto che le si spiaccica contro con le carni molli e non si lamenta mai. L’uomo sta alo remo laterale che nei porti dove la barche accostano l’una all’altra ingolfando il canale pel troppo numero non può essere manovrato. Una vela dalle forme più bizzarre --- quando il vento è in favore. I rematori e le rematrici portano grandi cappelli di --- di giorno impermeabili al sole e alla pioggia grandi come ombrelli anche per le strade, anche i bimbi, ma nelle vie strette devono levarlo o torcerlo da un lato per non urtare

 

 

diario V-0032.jpg

 Cina pag 32 

Canton - Hong Kong 3 maggio 23

 

Lascio Canton alle 5 col vaporetto fluviale Fashan. La città sfila e le centinaia di barche – i doks, --- e i magazzini neri con quell’aspetto sporco di tutti i porti di traffico. Più interessante è appena fuori dalla città quando appare le prima risaie, e le erbe sulle rive, e gli alberi piccoli, lontano il profilo della città sotto --- nel colle alberato dei giardini e il forte con la gigante pagoda padiglioni a 5 piani che ho visto stamane Il cimitero e il forte si inclinano i colli che a oriente si rialzano in una montagna con – --- edifici sulla gobba il fiume --- --- --- -- -- . più a valle casupole su palafitte fatte di --- e pescatori e piccole barche da pesca.

 

 

diario V-0033.jpg

 Cina pag 33 

Canton - Hong Kong 3 maggio 23

 

Sono sul fiume così detto delle perle ingombro di pesci d’esca. Sulle del fiume i cantieri si prolungano di più e poi cominciano belle alberature e campagna di verdure poi --- delle pagode le rive sono bassissime come cigli, oltre i quali ci sono allagamenti i cigli sono rivestiti di alberelli- Canali si addentrano – A destra belle risaie verde tenero freschissimo Passa una specie di galera dipinta senza vele, senza motore rimorchiata, è carica di gente. A destra --- una pagoda tipo binocolo, (campanile) a 9 tetti ma un’altra (pare che seguiamo la vecchia strada a pavimento pietroso) a sinistra si apre un braccio di fiume e due vele enormi vi appaiono dietro gli alberi come se fossero entro terra… Forte con mura bianche --- --- collinetta interna – scala con porta e --- --- --- sulla gradinata gente

 

 

diario V-0034.jpg

 Cina pag 34 

 

Fiume delle perle 3 maggio 23

 

Il fiume è gonfio come poche volte --- --- --- emergono appena di poche dita e l’onda del battello la sommerge. L’onda corre --- sulla riva continua sollevando due ali scroscianti di spuma e toccando le alte erbe. La campagna si fa più bella colle luci varie delle nubi nere e di qualche nembo di --- il nero velo di pioggia venuta più lontano in un raggio con colline --- di smeraldo, oppure sono nere di ombra. Si vedono delle specie di campaniletti. a due tetti tipo pagoda della campagna. Sono --- dove gli abitanti di vicini villaggi, le cui capanne povere e regolari, annidate nel verde, si ritirano a difesa delle frequenti incursioni delle bande di pirati. Altre due --- --- a più piani però --- dalla prima ricompaiono più a valle su altura piccola ma dominante. La luce irreale gioca nel verde e con gli specchi d’acqua che si spandono lontano

 

 

diario V-0035.jpg

 Cina pag 35 

Fiume delle perle 3 maggio 23

 

Passa un villaggio presso il quale si apre un bacino dove è --- un grosso veliero. Il villaggio è ben compatto nella campagna e a riva è allineato su palafitte, pulito e ridente, --- --- chiostra di colli alle spalle. Appaiono le prime rocce scure tra il verde di qualche altura, il panorama diviene più brullo e poi riprende il suo ricco manto per ridivenire brullo a Bocca Tigre dove un colle prativo liscio con alcune grandi rocce nere (nella notte ---) a strapiombo sembra un animale accovacciato all’imboccatura del fiume che si --- poco, oltre dopo un largo bacino, siamo all’aperto nel delta agitato dove il piroscafo leggero tormentato da queste onde inquiete --- . Le nubi che incombono lasciano trasparire qualche lago di luce lunare. Alle 22 esco e vedo lontano le luci di Hong Kong una luminaria fantastica veramente --- gli edifici --- sembrano --- --- dalle lampadine alle 11 qualche stella e un po’ di chiarore lunare che mi lascia vedere il --- --- . Dormo a bordo.

 

 

foto 01421

foto 01422

foto 01423

foto 01424

foto 01425

foto 01426

foto 01427

foto 01428

foto 01429

foto 01430

foto 01431

foto 01432

foto 01434

foto 01435

foto 01436

foto 01437

foto 01438

foto 01439

foto 01440

foto 01447

foto 01448

diario V-0036.jpg

 Cina pag 36 

Hong Kong 4 maggio 23

 

Al mattino mi sveglio sul battello ancorato alla calata di Honk Kong. Fuori contro le fragili pareti della cabina la pioggia scroscia si che alle 7 c’è ancora una penombra ci cattivo augurio. Per prima cosa mi reco alla Canadian Pacific a fermare un posto sul grande Empress of Australia ancorato nel porto e che parte a mezzogiorno per Shanghai. Sono indispettito dal maltempo. Visito alcune ore Hong Kong, ben pavimentato, signorile con --- palazzi all’europea e all’americana a più piani --- muniti di ascensori e di ogni agio. Grandi negozi europei. Le case sono sormontate spesso da una cimosa triangolare o da torretta cupolata. Quelle prospicenti al mare sono sormontate nella cornice da bandiere numerose che sbattono nel vento e rappresentano le varie società di navigazione o commerciali che sono negli edifici. Questi --- dei nomi come Prince’s building Queen’s building --- che fosse per effetto del cielo un aspetto moderno e tetro di un quartiere di Londra.

 

 

diario V-0037.jpg

 Cina pag 37 

Hong Kong 4 maggio 23

 

La passeggiata sul molo e quartieri con il porticato sotto gli edifici uguali e --- verande aperte con botteghe miste cinesi e alberghi cinesi. Sulle gettate sono le casette cinesi come in tutti i posti di questo mondo e un --- di moli e pontili per piccoli piroscafi dei servizi locali ferri boat e Canton. Le acque sono ingombri di lance di sampan e giunche dondolanti sulle onde brevi irrequiete. Coolie cinesi donne e uomini --- che sono turisti e invitano a trasportare bagaglio o a prendere posto nelle loro barche. Io trasporto i miei bagagli a bordo del piroscafo col ferry boat e torno in città fino all’ora di partenza. Visito alcune strade cinesi non più interessanti dopo quanto ho visto a Canton e salgo qualche gradinata e vie ripide, strane come corridoi che vanno a raggiungere le strade e le case più alte. All’interno appaiono case vecchie

 

 

diario V-0038.jpg

 Cina pag 38 

Hong Kong 4 maggio 23

 

con qualche tratto pittoresco. Per ogni dove è spaventoso il pullulare dei cinesi che invadono contrade e case come i topi col sorriso beffardo e l’aria ostile, vero --- umano. Non posso salire in funicolare perché appena fuori dalle ultime case c’è il nebbione nero e non vedrei nulla. Eppure sono sicuro che la montagna che domina le isole e le baie è la sola cosa con le baie stesse degne di visita a Hong Kong. E piove a dirotto senza interruzione d’altronde manca poco alla partenza e mi decido a imbarcarmi. Nella traversata domina la baia, i nembi si sollevano a ovest lasciando filtrare un po’ di chiarore che pare sole sulla collina lontana della penisola. Anche a oriente si solleva qualche velo traspaiono le vette --- po’ di luce filtra verso l’estremità est del porto. --- Hong Kong è nera più della pece schiacciata dalla montagna soffocata

 

 

diario V-0039.jpg

 Cina pag 39 

Hong Kong 4 maggio 23

 

dalla nebbia. Sbarco a Cowloon (il sobborgo di fronte allo) dove è ancorato l’Empress of Australia. Un gran pontile a molo coperto di assi ben connessi e di rotaie su cui scorrono i ponti per le gradinate di imbarco mi guida sul fianco del grande transatlantico col fianco enorme nero, incombente come un edificio strano a piccole infinite finestrine con più piani e ponti e sovrapponti e strutture aeree da cui pencolano i grandi canotti di salvataggio, gli alberi si levano a un’altezza da vertigine con le grosse sartie tese e 3 fumaioli mugghiano vomitando fumo Un formicolio di gente sale sul ponticello e da questo per una calata aerea sale ed è inghiottito sul piano della nave da una porta a bocca di forno, Dentro ufficiali e --- sono allineati e consigliano e gridano per poter ritrovare nel labirinto di quel palazzo la cabina

 

 

diario V-0040.jpg

 Cina pag 40 

Hong Kong 4 maggio 23

 

assegnata. Passo corridoi e scale, salgo e scendo diverse coperte per orientarmi e per trovare il deposito bagagli, infine salgo sul terzultimo ponte per assistere alla partenza. E’ un affrettato esodo giù per la scaletta aerea dei parenti e amici dei partenti che sono venuti a portare l’estremo saluto. Signori e belle ladies di ogni età, qualcuna che piange sull’ultimo bacio, altre sorridente o gaie. Il molo formicola di gente riversata dalla nave, che parla ancora con quei di bordo e manda saluti e frizzi alla gente scaglionata ai vari piani. Si levano le grosse gomene tirate a bordo da rulli, l’elica fruscia appena e la --- si muove lenta, si scosta dal pontile e si allontana con lentezza inerte. Allora è un frenetico sventolio di fazzoletti un cadere di lacrimo un --- di sorrisi (ciascuno con i suoi motivi per piangere e per ridere, motivi opposti) qualcuno ride convulso per non piangere --- viso --- di capelli biondi

 

 

diario V-0041.jpg

 Cina pag 41 

Hong Kong 4 maggio 23

 

--- --- --- è impetrato di angoscia e guarda dolcissimo nella tristezza. Chi saluta con la mano alzata rattratta, immobile? Non so perchè anche io sono commosso senza motivo eppure non lascio nulla di caro, ma lascio un paese che ho appena conosciuto e che non mi ha dato né una gioia né un dolore. Alcuni signori montano nelle lance che sono accostate al molo e inseguono con queste la nave che evoluisce, retrocede, gira su sé stessa, dirige la prua a Est e si avvia con le macchine che pulsano silenziosamente. Hong Kong dalla nave mobile ha un aspetto fantastico. La prima linea di edifici sembra uno scenario piatto, staccato dal resto e scivola sullo sfondo più lontano. Le case con quei piani a veranda sembrano gabbie graziose nonostante le architetture e i padiglioni imponenti.

 

 

diario V-0042.jpg

 Cina pag 42 

Hong Kong 4 maggio 23

 

elevati sopra le costruzioni. Dietro la funicolare la città --- un po’ piane e poi sale con una serie di tetti ---, --- --- : è la città vecchia e popolare poi sale decisamente come Genova coi grandi edifici a lievi tinte gialle, rossastre o di un grigio lilla formanti un bel mosaico. E’ ancora riprende l’aspetto di gabbia sovrapposto quasi accatastata (mi richiama molto Gibilterra) e in alto --- --- con belle vele imponenti e sontuose che si --- al verde dei parchi. Sopra tutti domina la montagna umida, nera a prati boschi e cespugli con sbucciature vaste di roccia grigio piombo. Una funicolare riga la montagna su un colle tra il verde e a destra un giardino di alberi frondosi --- la vista cosa i verdi --- più appariscenti --- grigi cupi e anche qui qualche volta fa capolino e sorride civettuola. Una cappa grigia di nuvole sospinte da un forte vento grava ogni cosa e cela la vetta delle montagne dandole più

 

 

diario V-0043.jpg

 Cina pag 43 

Hong Kong 4 maggio 23

 

imponenza e a tutti si scopre una strada orizzontale altissima a una ville appollaiata su per il picco, o alla villa appollaiata sulle creste più vicine con un’aria di fare l’equilibrio, troppo grandi per sostenersi a quell’altezza. Da --- i lati del versante --- strade costiere e strade alte, l’una passa su viadotti ad archi e negli anfratti sul mare sono accovacciati i cantieri neri. Nel porto giunche e grandi vele spiegate,--- --- intersecano la rotta nostra , alcune hanno le vele così lacere da essere più i fori delle tele, eppure camminano. I ferri boat traversano il braccio di mare tra la città e Kawloon, rimorchiatori lance vanno in ogni senso --- per farsi largo ogni specie di di barca cinese va e viene affrettata coi rematori che agitano come ossessi a gruppi il remo maestro di poppa per scansarsi- lontano verso occidente

 

 

diario V-0044.jpg

 Cina pag 44 

lasciando Hong Kong 4 maggio 23

 

la baia è seminata di imbarcazioni e di navi, alcune entranti o partenti. In quello specchio cheto che spiragli di luce fra le nubi fanno tralucere di un bel verde giada è uno spettacolo stupefacente che --- dal racconto fantastico e del sogno. la penisola ha i suoi anfratti con bracci d’acqua e colli con graffiature rossicce Le lance con la gente che saluta i partenti ci seguono per un tratto a pieno vapore e urlano con le sirene e --- petardi La nave descrive una grande S per il braccio che guida all’uscita orientale. La penisola a sinistra diventa presto arida con colline di terra rossiccia e sassi, con cantieri incastrati sulle deiezioni tra un cono e l’altro. L’isola si prolunga --- con cantieri e case, diventa nuda di vegetazione ma con qualche prato che mi ricorda i nostri pascoli in qualche insenatura stanno sciami di barche numerosissime presso un villaggio costiero dalle catapecchie e tetti di paglia. Subito dopo passiamo la

 

 

diario V-0045.jpg

 Cina pag 45 

lasciando Hong Kong 4 maggio 23

 

strozzatura che chiude la baia e vediamo i --- piattaforme da ciascun lato appare anche un piccolo cimitero isolato in una zona deserto e nuda con qualche cipressetto nano, sarà una dei tanti dei primi soldati venuti per creare Hong Kong --- --- --- . Entriamo in una baia che si apre verso il mare libero difesa da qualche isola. Fosse anche per la nebbia che si stende a poca altezza e stilla qualche goccia di pioggia e per il vento freddo che arriva ho l’illusione di fiordi con rami multipli e sfondi ---, dominanti appena dai colli dolcissimi a linee adagiate vellutate di prati che secondo la pendenza del declivio hanno riflessi teneri e cupi di puro smeraldo. Gli --- delle nubi giocano colle tinte e danno all’acqua una

 

 

diario V-0046.jpg

 Cina pag 46 

lasciando Hong Kong 4 maggio 23

 

nobiltà di espressione e di riflessi davvero estasiante. Vorrei essere solo in una barca con una piccola vela che mi spingesse piano piano in questo regno nudo eppure bello e --- a guardarlo per goderne la pace fino a scoprirne il mistero dell’incanto. Credo che siano felici coloro che hanno la loro tomba la su quei declivi col mare che lambisce gli scogli lisci adagiati e parla sommesso anche quando dal largo il tifone scaglia i suoi flagelli contro le coste aperte. Costeggiamo ancora alture ascendenti con scogliere a picco a frattura verticale, vedo una grotta nera tagliata nella roccia come una porta infernale col mare che mugghia dentro la cavità sonora; e il flusso si perde dentro senza il riflesso per chissà quale mistero. L’arcipelago resta indietro, la nave comincia a rullare implacabilmente nel mare inquieto

 

 

diario V-0047.jpg

diario V-0039bis.jpg

 Cina pag 46 

verso Shanghai 4 V 23

 

dal largo. Anche il continente si allontana a poco a poco, ma protende sempre i suoi capi e le sue verso noi che seguiamo sempre fino a Shanghai lo --- semicerchio frastagliato. Qualche scoglio ci saluta ancora con gli spruzzi bianchi dei cavalloni infrangentesi. Ancora verso sera sfileranno, alcuni scogli perduti nel mare vasto, del caso cieco. Ma finché c’è un filo di luce la costa danza di lontano alla sommità dei flussi di giada. E quella è la Cina della leggenda che io risogno di notte con i suoi --- con i suoi tifoni e i naufragi fra gli scogli grottosi e scalpellati dai Geni della terra a forza di masti, e tutte le avventure che hanno allettato la nostra fede di bimbo. Nella notte gli ultimi fari di terra ci salutano

 

 

foto 01452

foto 01453

foto 01454

foto 01455

foto 01456

foto 01457

foto 01458

diario V-0048.jpg

 Cina pag 47 

verso Shanghai 5 V 23

 

L’Empress of Australia fila velocemente tra la pioggia mattutina e la calma luce perlacea del pomeriggio. So che siamo tra il continente e l’isola di Formosa, ma non vedo che l’isola di Haitan verso sera e qualche scoglio. Molti --- scafi notte e giorno passano incrociandoci e sono superati nelle corsa nella stessa notte. Di notte si parlano con la luce per comunicarci le novità e chiedere i nomi e la metà. Oggi leggo studio e disegno tutto il giorno fino a tardi.

 

 

diario V-0049.jpg

diario V-0048bis1.jpg

diario V-0049bis.jpg

 Cina pag 48 

verso Shanghai 6 V 23

 

Quando mi sveglio vedo un riflesso verde di sole entrare dalla finestrella della cabina. Esco presto a passeggiare nel sole. L’aria è frizzante per me che vengo dal Sud ed ha un odore fresco di mare si che mi par d’essere sul mio mediterraneo. Sfilano ancora isole e terre lontane dalla costa e scogli.

Verso sera passiamo tra due isole e appena dopo (alle 17) una nebbia nordica si stende sul mare e viene un freddo che rende poco piacevole il soggiorno in coperta. La nebbia si solleva all’altezza dell’albero maestro della nave. Il mare si fa a poco a poco giallo per le acque del fiume "azzurro" (così detto) che si spande fin qui. A notte fa un freddo da nord Europa e sfilano nell’oscurità i fari che guidano allineati fino a Shanghai.

 

 

foto 01460

foto 01463

foto 01464

foto 01465

Cerca

foto-lato-02046