diario II: India 1  parte 1 

pag diario2 0001bis

pag diario2 0001

 India I pag 

Ramesvaran  24- II - 23 Madura

 

Visito --- il tempio, prendo fotografie e parto – isole uniformi

Ponte sugli scogli piatti, (in treno sul mare, interessantissimo!) pescatori.

Grandi acacie. Palmira riso campi arati (stanno arando)

prati con fiorelli azzurri. Avvicinando Madura risaie, belle

campagne tipo ---,--- montagne in distanza Elefant Rok rosso coppia --- ---

Madura

--- movimentato--- ottone vasi – grano donne magnifiche forme corpo sciolto o annodati tipi gialli di vestiti bleu

violaceo e rosso scuro bell'effetto anelli --- colori vivaci---

 

 

pag diario 0002

 India I pag 2 

Madura  24 - II - 23

 

mammelle madri – telo tribù pressato di sotto che fa --- --- a cavallo e vacche bianche.

Lascio Ramesvaran alle 9,30. Passo da ferrovia ponte gettato su scogli marini e tocco terra indiana. Ricompaiono le palmare e poi via via campi arati e risaie – e belle colture alberate, pochi boschi e fichi d'India. Appare l'Elefant Rok finalmente la città di Madura col profilo dei suoi templi. (ore 15¼)

 

 

 

pag diario 0003

 India I pag 3 

Madura  24 - II - 23

 

--- strada di ficus le nubi col cuoricino Suono rumorio Baiadere

Madura animatissima – gran mercati adunanze di donne coi sari a colori violetti o blu arancioni a righe di un rosso velato o certi gialli --- colori sobri, ---nude bellissime cariche di anelli e catenelle – sari passante sotto le gambe con cui --- ricascate speciali –

sacchi riso grano nella strada carri di buoi piccoli – ottomani. Nel pomeriggio visito il bel Teppa Kulon e l'enorme ficus moltiplica dai cento tronchi. Poi le vie e templi minori. Passo la notte nel tempio e assisto a una processione, meno belle di quelle di Ramesvaran. Esco meravigliato maestosità e complessità del tempio ma deluso perché non ho visto le danze.

 

 

foto 00323

foto 00324

foto-locatelli-00325

foto-locatelli-003261

foto 00327

foto 00328

foto-locatelli-00331

foto-locatelli-00332

foto-locatelli-00333

foto 00334

foto 00335

foto-locatelli-00336

foto-locatelli-00337

foto-locatelli-00339

foto 00338

foto 00339

foto-locatelli-00340

foto-locatelli-00341

foto-locatelli-00342

foto-locatelli-00343

foto 00344

foto 00345

foto-locatelli-00346

foto-locatelli-00355

foto-locatelli-00356

foto-locatelli-00357

foto-locatelli-00359

foto 00360

foto 00361

foto-locatelli-00362

pag diarioII 0004

 India I pag 4 

Madura – part. Trich Tanjore  25 - II - 23

 

Mattino visito tempio grande dalle 8 alle 11 – Palazzo K...

 

nubi bianchissime ---

 

Part. Ore 11,55 – Fiume pieno di gente: ---, bella campagna

fichi d'india.

Monti aspetto nostro. Cascate donde viene l'acqua? Rupi --- nostalgia

Terra rossa – agavi bestiame al pascolo – note di variante del

verde e caffè suoi monti Kadai Krod acacie senza foglie e solo agavi fichi! scimmie e cacti bulbi (Donne ai lavori) – vite uva bianca zucche – ricino? Montagne (orti) con

--- Formica capre – sistema irrigazone a pozzo ---, bue e vacca.--- strada di ficus le nubi col cuoricino Suono rumorio Baiadere

Madura animatissima – gran mercati adunanze di donne coi sari a colori violetti o blu arancioni a righe di un rosso velato o certi gialli --- colori sobri, ---nude bellissime cariche di anelli e catenelle – sari passante sotto le gambe con cui --- ricascate speciali –

sacchi riso grano nella strada carri di buoi piccoli – ottomani. Nel pomeriggio visito il bel Teppa Kulon e l'enorme ficus moltiplica dai cento tronchi. Poi le vie e templi minori. Passo la notte nel tempio e assisto a una processione, meno belle di quelle di Ramesvaran. Esco meravigliato maestosità e complessità del tempio ma deluso perché non ho visto le danze.

 

 

pag diarioII 0005

 India I pag 5 

verso Tanjore 25 - II - 23

 

1° staz. dopo Kodai: grande pianura – a W. vallata aperta

e verde – gran paesaggio vasto agave--- patate o specie di granturco tabacco zucchero, prati di

verde chiaro, --- tenero di riso – linea sgangherata.

Dindicul (Dindigul) – Bella campagna come la nostra a coltivazioni.

Dormito fino a ---. Qui vedo intorno laghetti e alberi fichi e colline piccole coniformi con qualche roccia e ricoperte da belle vegetazioni e nella stazione donne caricano legna.

---bianchi alti acquitrini cipressini e --- a sfondo di montagnole azzurre qualche scogliera di massi sparsi di fichi e cactus ad albero – Palmira e villaggio di paglia massi neri ferrigni

simili a elefanti – cave pietre e lavoraz. di squadro(a) – Pianura cactus a cespugli conifere----

 

 

pag diarioII 0006

 India I pag 6 

Trichinapoli  25 - II - 23

 

Trichinapoli [Trichinapoly] zucchero pescatori verde azzurro bleu rosso gran pianura a radi alberi pascolo capre nere e vacche – questa sera la nostalgia mi prende passo un villaggio con covoni di paglia e alberi simili al nostro noce e risaie e gente sparsa che mi ricordano la mia terra canto, canto e penso a mille cose lontane. Il sole scende sul riso (viso?) dorato getta strisce cangianti sulla pianura scena ineffabile.

...? scena scimmie sui ficus verso Tanjore una nube fa festa in un mare di sereno.

falchi, aquile a teste chiare e ali ruggine – bambù macchioni di alberi nel piano. Arrivo a sera a Tanjore e dormo stazione corvi e --- fuggono davanti al treno.

 

 

pag diarioII 0006

 India I pag 7 

Tanjore  26 - II - 23

 

Tempio di Tanjore (Brahadeeswara) – Mura e fossato d'acqua tutto intorno-mura colossali di spesso rovinate con colonnette e porticato in più continenti? (A N e W lingua a bella pittura dei miracoli????)

Accanto al tempio un giardino (siva…tree) con pozzo aranci acacie e fiori gialli rossi per dedicare agli dei. Stile puro lineare tre grandi pietre di granito. Grande toro in granito nero statue e lingue carta di olio.

Colore dominante terracotta e grana(i)to rosso patinato di nero – base dipinta a strisce bianche e rosse – Tempio di Subramanya graziosissima miniatura interna dio in persona con molte braccia (pipistrello) puzza olio oscurità… Mahamandapam con pittura Maharatta R. su elefanti dip. azzurro e oro -

tempietto con cupola e 4 vacche.

pavimento in mattone piano, perlato nero canali e vasca p. abluzioni passante su testa di Siva. Gradinate adducenti al tempio torre magnifica –sobriamente ornata sporgenze nere – facciata esposta grigio e giallo chiaro e interni rosso pastello – tinte calde bellissime.

 

 

pag diarioII 0008

 India I pag 8 

Tempio Tanjore  26 - II - 23

 

Carro di processione dipinto giallo azzurro e rosso i colori dominanti in tutte le pitture. mura attorno belle un porticato e gradini effetto di un forte con cupolette e tempietto dei maggiori ---. toro di Siva --- in un angolo Porte dei ---diritte rettangolari di monoliti dipinti bell’aspetto di stile sobrio. Pigolio di pipistrelli che riempiono la torre canti di uccelli e silenzio di uomini brama silenziosi che mi sorvegliano da lontano

APPUNTI

-----------

Leone chiaro punteggiato di rosso adorno di rubini e smeraldi – Siva inginocchiato? --- Pavone verde con specchi --- Vasca di Siva dorato – Piccole vasche Palanchino dorato – Sole Corallo

 

 

pag diarioII 0009

 India I pag 9 

Tempio Tanjore  26 - II - 23

 

profumo di fiori d’arancio – pozzi toro con gufi dorato color cioccolato 25 --- cielo dip. Azzurro verde e giallo e poco seppia --- di Parbati e tempio tetto di bambù e foglie palma colonnato statue a fondo rosso e blu dorato e vestito giallo e verdino – bei colori gialli rossi e bleu anche sulle colonne – intonato altare difeso da veli – oscurità mistero elefanti dipinti su --- gradini, piccola entrata coi portaloni colonne bronzo o --- con campanelli tempio siva Ganesh ---

 

 

pag diarioII 0010

 India I pag 10 

Palazzo Tanjore  26 - II - 23

 

Quadri Ekojee 1676-1683 e di Shahajee 3) Tukkojee e Bava Sahib 1700 Prathapasirnha 1741-1784 Trilaja 1787 --- --- ---

 

 

 

Partenza Trich ore 16 arrivo 18 (golden dok) case scavate nella mota

 

 

 

foto-locatelli-00363

foto-locatelli-00364

foto-locatelli-00365

foto-locatelli-00367

foto 00366

foto 00368

foto-locatelli-00369

foto-locatelli-00371

foto 00370

foto 00372

foto-locatelli-00373

foto-locatelli-00374

foto 00375

foto 00376

foto-locatelli-00377

foto-locatelli-00378

foto-locatelli-00379

foto-locatelli-00380

foto 00381

foto 00382

foto-locatelli-00383

foto-locatelli-00384

foto-locatelli-00385

pag diarioII 0011

 India I pag 11 

Trichinopoli  27 - II - 23

 

ore 7 parto carrozza – larghe strade con acacie fiorite e ficus – vacche adornate mendicanti – musica tamburo e piva e vi sono capanne – belle chiese. La rocca contro luce – gente per strada - Fiume largo con palme e piante folte sabbie liscie, pellegrini --- largo paesaggio chiaro – poi strada tra i boschi folti mangos villaggio di banani --- Tempio Gatewai:1)---2°) mura --- al 3° G. ferma carrozza belle mura del recinto merlate – altre mura no – Da una terrazza domino il tempio presso la bianca pagoda sulla terrazza sopra i 1000 pilastri vedo la pagoda dorata a fior di loto

 

 

pag diarioII 0012

 India I pag 12 

tempio Trichinopoli  27 - II - 23

 

colore mura pietra grigia mura pagoda terracotta chiara grigia -

 

1000 pillar --- bianco altari Vishnù

al centro con fachiri donne e 2 cavalli di pietra e due ruote signif terra tank piccolo con vicino tempio di (Lakshmi) Latehimi? Sposa Vishnù

legno creta – idoli e cavallucci 2 carri Jogann --- massicci con rotoni di 2 m e ½. Esco a vedere lato S cancello sotto i gap con altare Krisna gatewai cominciato con 4 pili monoliti elevato scollare i blocchetti ai fianchi

 

 

pag diarioII 0013

 India I pag 13 

tempio Trichinopoli  27 - II - 23

 

mura sul recinto ricostruite bella opera Stile semplice, porte del tipo bassorilievo pagoda a coda pavone colonnette lineari stile normale nostro Tippra Kal maldopur di fronte al tempio 1000 col. Bei cavalli con raja e guerrieri che trapassano leone (Vishnù in bassoril. Sulla colonna). Nello sforacchio si vedono le punte. Uno si vede che fa --- --- sotto Mandap.principi preganti e dio in vario attegg. tempio centro (mattone scultura pietra) --- piccolo gap di fronte mandapur --- altare a

loto capovolto per offerte a mezzogiorno poi altare esp Dio nelle feste (sotto gr. mandupur e mercato cocchi mercanti di immagini vacche

 

 

pag diarioII 0014

 India I pag 14 

Trichinopoli  27 - II - 23

 

tempio Jumh --- --- --- mandap 1000 pillars mura belle semplici Interno: collana di fiori! interno scuro --- centro --- con mura – colonne quadre massicce una con scolpito Siva l'altra Parbati le 4 colonne hanno gr capitelli con 4 grifi --- entrata al tempio porta leoni ottone in fondo interstizio illuminato bianco con azzurro tra le colonnette e poi l'oscurità del tempio Siva Parbati

 

 

 

pag diarioII 0015

 India I pag 15 

Trichinopoli  27 - II - 23

 

Trich. Rocca fiume con bamboo e scalinate ponti e argini di blocchi, sotto ponti roccia liscia levigata e mondata (disegno tempio) Gran --- --- Salita entrata sotto portico a lista pietra a porta, gradi- nati a ripiani – pellegrini, mendicanti sottopassaggi elefanti a 2 statue

 

 

 

 

 

pag diarioII 0016

 India I pag 16 

Trichinopoli  27 - II - 23

 

Rocca Trichinopolis Mandap elefanti disegni curvilinee rosse sulle pareti – 2 statue --- credo guardi la bella gradinata: ripiani a liste rosse e bianche scure con --- nicchia grati che guarda Ganesha a destra sulla porta massiccia a sinistra il tempio con altare deserto chiuso destra affacciato --- con statua scolpita, ora --- pipistrelli più su Siva --- e statua Subramanian Siva ling ganesha ecc. nandi toro (piccola piccole ganeshe centro bella porta più su si stacca alla luce camera ganesha, volta 2 pili ben scolpiti ippogr con cavalcatura rocca sempre gradinate coperte tortuose biforcazione a sin Gr. Tempio Siva --- --- e altarino di loto 2 altarini di fianco e una gradinata adduce alle reliquie di Siva d’oro con lampada vetro – nella sala 9 ---, vaschette e pilars ling — e idoli ---

 

 

pag diarioII 0017

 India I pag 17 

Trichinopoli  27 - II - 23

 

Salendo all'aperto specie di grotta colonne con fiori di loto scolpiti vaschette e buchi sul pavimento – rilievo di Siva iscrizioni – più su piccola mandola con vista città, tempietto e spanata di rocce con vasi raccolta\acqua poi la roccia sale inclinata con --- --- larghi, bassi gradini a spira al tempio superiore, la roccia discende tonda e precip d'ogni lato città immensa, fiume --- montagna in dist pianura coltivata palme riso banani sotto avanzi di mura – tempio lontano, circondato nel verde sull'isola grande, macchie di nubi passano nel piano illuminato e sulle risaie – case capanne villaggi ombre di pianura sul fiume moschea: rientro nelle vie rumori falchi rotanno sotto

 

 

pag diarioII 0018

 India I pag 18 

Trichinopoli  27 - II - 23

 

piccolo triangolo per --- chiese cristiane – rocca d'oro terrazzi e tetti rossi N tetto tempio Siva cupola oro chiesa S Giuseppe – Teppa Kulam Il tempio in vetta è a G. - Palazzo Nababbi stile --- giallo nessun interesse --- --- --- dagoba scrivani giocatori – lavori --- ottoni, argento

 

 

 

 

 

pag diarioII 0019

 India I pag 19 

Trichinopoli  27 - II - 23

 

Parto alle 22.50 da Trichinopoli, molta gente, emigranti – nostalgia Trich. Paesaggio lunare su cocchi e risaie fichi e alberi con riflessi negli stagni.

Tramonto della luna dietro colli con riflessi negli stagni.

 

 

 

 

 

 

foto 00386

foto 00387

foto-locatelli-0038

foto-locatelli-00389

foto-locatelli-00390

foto 00391

foto 00392

foto-locatelli-0093

foto-locatelli-00394

foto 00395

foto-locatelli-00396

foto-locatelli-00397

foto 00398

foto 00399

foto-locatelli-00400

pag diarioII 0020

 India I pag 20 

Treno  28 - II - 23

 

ore 7 (treno per Oot) campagna coltivata agavi --- poi siepe ---tank con albero sacro con figure di cavallo intorno (---) altro con 3 cavalli – piantagioni di alberelli con con candelette – A Mettupalayam pianura circondata da belle montagne, silenzio --- bambini appesi a corde dormienti in lenzuola a fagotto – pianta ricino Areku fitta colt. Bamboo e giungla a Kallar attaccano due belle locomotive dietro per superare la cremagliera – grovigli a macchie di bamboo gallo della giungla nero a raggera ponticelli a picco di cui spiovono le liane e si va come col --- --- bombos che tornano anche lontano

 

 

pag diarioII 0021

 India I pag 22 

Nilgiri  28 - II - 23

 

sui colli dalle fontane di tenero verde [note] gole intagliate nella roccia coi rami penduli – Visioni fantastiche sulla pianura bionda di riso verde di palme con la città sullo sfondo – piante alte a --- fiorucci gialli come la zucca e frutti neri foglie tenere lucide --- --- alte montagne con foresta verde e rossa roccia tagliata a picco centinaia di metri con filo d'acqua --- cascata come quelle di Serio e finiscono nella verzura folta scenario di leggenda passo la vasca col torrente che scende a balzi tra siepi stagliate. Una pianta a fiori rossi --- l'entrata – farfalle di seta blu e verde belle foreste ed alti prati fogliame vari – rose a fiori come le nostre vermiglie piantagioni caffè, compaiono felci lontane numerose 1500 m. alt. Prima di tornare alla vallata appare il primo cipresso in vedetta e guarda il piano lontano immenso, coltivato e biondo

 

pag diarioII 0022

 India I pag 23 

Nilgiri  28 - II - 23

 

Coonoor e Wellington Staz vicine, la seconda --- --- piantagioni (di? foglie azzurrine (agavi) aranci eucaliptus (molti eucaliptus Ad --- gr stabilimento filatura cotone – colline brulle rossicce con brutti cespugli fiorelli bianchi capannette --- simili --- --- sponde ferrovia tagliate a gradino Più su a W si apre ancora conca più salite a coltiv a te, tutte a terrazzini e appezzamenti brulli – bei giochi di nubi bianche falchi altissimi arrivo con ombra e aspetto triste del luogo troppo chiaro. Piove qualche minuto Hotel Hill wiew non sono affatto di buon umore, temo la delusione

 

 

foto 00401

foto 00402

foto-locatelli-00403

foto-locatelli-00424

 India I   pag 23  note 1,  note 2,  note 3  

Ootie  1 - Marzo - 23

 

(descrizioni botaniche)

 

pag diario 048

pag diario 048

pag diario 023bis2

pag diario 023bis3

 
 
 
 
 
 
 
 

 

pag diarioII 0024

 India I pag 24 

Mukurti P.  2 - III - 23

 

Parto 7 matt.Ootacammund trovo nebbia sull'acqua nebbia sui colli, magnolia rosa selvaggia sensitiva fiorita leggermente bei pascoli e vallate e laghetti simili ai nostri – nebbia fitta ore 9, bosco rose bianche selvagge e felci – canta il gallo. Fiume ------ - sciacallo bungalow sulla conca con presa corrente salite e discese --- fino a che incontrano la bella corrente di Mukurti serpeggiante nel piano (pesci) corvi falchi avvoltoio che planano alti. Salita finale, rocce nere a precipizio a W bosco sotto con bambù e intrico a rododendri finché ripresa del salto sulla profondità, valle selvaggia e colli e pianura lontana a giungla. Il Nilgheri (Nilgeri) pick (peak) colle con cresta lontana a torrioni troneggiano

 

pag diarioII 0025

 India I pag 25 

Mukurti P.  2 - III - 23

 

come un granito monolito precipitoso simile al pizzo Coca. Le nubi giocano intorno e vi scoprono a tutti i fianchi. Si apre la nube e lontano appaiono le sterminate foreste del Malabar con spiazzi di erba bionde e a perdita di vista si delinea incerta la costa dell'Oceano Indiano. La scena è veramente selvaggia picchi e creste spuntano dalla foresta in torrioni. Le nubi ci avvolgono il baratro sparisce ancora si vede con più frequenza l'altipiano a Est fino ai colli di D — che appaiono ricoperte di bosco nel nudo squallido del paesaggio.

La nebbia ci assedia, torniamo, voglio scendere a dormire nella foresta di Malabar le guide si rifiutano. Minaccio di andar solo sotto --- il shikur che è con me mi segue con il portatore, l'altro dice che laggiù ci sono tigri e elefanti e che non viene lo caccio via perché ritorni solo e gli consegno il cavallo. Seguo una lunga cresta finché trovo il passo per scender per pendii --- traversati dai torrentelli con foreste intricate di alberi e bambù lati di costa lavoro a ---.

 

 

pag diarioII 0026

 India I pag 26 

Muk. Mukurti P.  2 - Marzo - 23

 

Vediamo 4 o 5 sombres che fuggono e sottodopo un 500 m. di discesa --- su foresta mi addentro nella penombra e cammino in basso faticosamenteaprendo il passo tra bambù e rampicanti fino al centro della valle dove si stende il pianoro son più di mille metri più basso delle cime intorno al N. e il M. domina pianoro. È scuro, accendiamo fuoco sotto un gruppo di alberi in una piccola radura pietrosa e ci prepariamo il letto d'erba vicino mangiamo e attendiamo la notte. La nebbia ci avvolge ---, comincia una pioggia che dura parecchio ma traverso al fogliame non ci tocca è triste la notte nella giungla così! Fa freddo. Prima del crepuscolo gli uccelli cantano e scimmie gridano, ma ora tutto tace. Più tardi verso le 10 la nebbia dispare e la luna brilla piena quasi verticale. Mi cullo un poco nel dormiveglia pensando alle cose lontane, sono malinconico e felice nello stesso tempo.

 

 

pag diarioII 0027

 India I pag 27 

Mukurti P.  2 - Marzo - 23

 

e godo di questa notte passata nel cuore della jungla. La luna filtra fa luccicare qualche foglia bagnata a mezzanotte esco su una roccia: contro luce nereggia la parete del Mukurti: in piena luna sale etereo bello e terribile il Nilg P. con le sue dentature, dentro si apre il passo che ci ha portato qui – a occid. é tutta una distesa immensa di verdura folta. Il torrente rumoreggia appena poco lontano da noi; anch'egli ha imparato a essere silenzioso scorrendo sulle rocce muscose e di licheni, come gli animali che corrono nella notte con appena un lieve fruscio. Un animale passa vicino, è immobile perché si schianta bambù, s'ode il fruscio del suo allontanarsi. Il fuoco langue i miei uomini lo smuovono ogni tanto e parlottano tra loro nella lingua sconosciuta. C’è del misterioso nell'aria eppure fuori dall'ombra la luna inonda la terra.

 

 

foto 00370

foto 00412

foto-locatelli-00373

foto-locatelli-00374

foto-locatelli-00374

foto 00370

foto 00412

foto-locatelli-00373

foto-locatelli-00374

foto 00370

foto 00412

foto-locatelli-00374

foto-locatelli-00374

foto 00412

foto-locatelli-00374

foto 00439

foto 00370

foto 00370

foto-locatelli-00373

foto 00370

pag diarioII 0028

 India I pag 28 

Nilgiri P.  3 - Marzo - 23

 

Sveglio al mattino un po’ freddoloso esco, l'aurora non è ancora nata. Esco nella mai roccia tra le felci e i licheni mi sgranchisco e mi sveglio e grido agli uomini che facciano il tè e si preparino a partire. Gli uccelli cantano con una sinfonia meravigliosa, punge --- lo stridere di qualche scimmia, finché mi tornano a passare invisibili vicino facendo smuovere il fogliame da lontano giunge il grido strano di un grosso scimmione (così dice la guida) simile al gorilla, questo grido si ripeterà ogni tanto – altri brontolii giungono da lontano e lo strombettare dei caprioli spaventati.

 

 

pag diarioII 0029

pag diarioII 0029-bis

 India I pag 29 

Nilgiri P.  3 - Marzo - 23

 

Partiamo è bella la foresta di mattino, ---qualche ora e arrivo a ragg. Il nostro passo davanti volge un altura seguante il Malabar che il sole inonda. Salgo il Nilgiri P. rupi granito difficili, solo – nebbie visioni di---, mentre noi e le vette siamo turbati dalle nuvole alberi bambù --- - un arbusto fiorito e abbattuto – fiori alpestri (ieri) ritornano, la cattiva scimmia buffali minacciosi – incendio collina – sciacalli – serpenti verdi Temporale con fulmini ci segue, ci raggiunge e il cavallo fugge spaventato portando nella corsa. Arrivo alle 17 a Ootacamund. (nota:serpentelli verdi trasparenti – altri serpentelli)

 

 

foto 00447

foto 00417

foto 00416

foto-locatelli-00420

foto-locatelli-00422

foto 00424

foto 00425

foto 00426

foto-locatelli-00429

foto 00432

foto 00433

foto 004134

foto-locatelli-00435

foto-locatelli-00442

foto-locatelli-00441

foto-locatelli-00445

foto 00446

pag diario 030

 India I pag 30  note 1, note 2, note 3 

Nilgiri Ootie  4 - Marzo - 23

 

Gita al lago col treno, pineta vacche al pascolo pini alpestri gigli d'acqua, ninfee bianche sfumate in celeste, stellate – ranuncoli pitus cedri fiori rossi con la foglia come la jukka erbosa e i --- profumano ecc. e cipr. canti di uccelli che cinguettano. Sull'altra sponda c'è una chiesetta cattolica la sua campana batte a rintocchi della messa domenicale. Quella voce è come una voce della mia terra che chiama, mi comunica addentro – la chiesa è circondata da grandi alberi e tra gli alberi le tonde finestre e le croci. Elk Hill bei boschi e foreste. A Oota. Pere e ciliege.

 

pag diario 030bis

pag diario 048bis2

pag diario 048bis3

 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

pag diarioII 0031

 India I pag 31 

Ootie  4 - Marzo - 23

 

Discesa Nilgiri. Zucche con aspetto --- e fiorelli bianchicampi a erbacce tipo acquatico con fioritura graminacea – rosacce intrico. Valle si sprofonda la strada serpeggia la pianura mostra gli acquitrini scintillanti e le colline conformi, isolate dorate dal sole che --- è già sera, cielo all’orizzonte è di berillo con nubi d'oro cascate sulla testata della valle ingrossata dalla pioggia un raggio obliquo al campanile dalla vallata contigua spiazza nella pianura. --- Dormo fin quasi Madras, nella notte mi sveglio e vedo colle --- e bella pianura nella luna

 

 

foto 00404

foto 00405

foto 00106

foto 00408

foto 00407

foto 00409

foto 00410

pag diario 030

 India I pag 32  note 1, note 2, note 3 

Madras  5 - Marzo - 23

 

Arrivo al mattino (credo alle 9) Bella città bei viali di ficus passeggio ancora insonnolito belle costruzioni moresche gente:--- gente nuda completamente tempio indiano, impetuoso al tramonto, ---- hotels, negozi chiese anglicane stabilim. Cotone.

Visita al Raya di Aligar.

Parto ore 21.15 per Bombay

 

 

pag diario 032-bis1

pag diario 032bis2

pag diario 032bis3

 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

foto 00456

foto 00457

foto 00148

foto 00459

foto 00460

foto 00461

foto 00462

foto 00463

foto 00464

foto 00465

foto 00466

foto 00467

foto 00468

pag diarioII 0033

 India I pag 33 

Madr. Hyderabad 6 - Marzo - 23

 

Mi sveglio al levar del sole in treno vedo il paesaggio squallido dell'alti- piano – gran pianura magra a ciottoli e colline isolate fatte di grossi macigni bruciati – cacti, agavi palme tipo dattero. Più tardi ricompaiono campi di granoturco stentatelo e poi piantagioni di cotone con le donne a vesti corte e uomini nudi che vi lavorano.(Visione di una collina massiccia fortificata ore 8).

 

Dopo Raiden a Krishna gran fiume sassoso che si presenta a laghetti più che corrente isolette verdi e sassi sulla pianura immensa. Quasi senza sponde gr. Ponte ferro su pilastri. Stato di Na(z)zam cotone sempre qualche acacia legname collinette. A Wadi cambio treno per Hyderabad.

 

 

pag diarioII 0034

 India I pag 34 

Madr. Hyderabad 6 - Marzo - 23

 

1° fermata cave di pietra e lavoro di squadra case di pietra ricoperte di piodesse. Questo tipo di costruzione si ripete in tutta la zona. Sulla campagna arata e coltivata, piuttosto arida vi sono poche palme e molti tama- rindi. Dopo la stesa si profila un ciglione che sembra uno dei monti prealpini, veneti. Pecore nere e capre villaggi di pietra assembrati intorno a una sorta di tempio, --- da tamarindi tempietti di pietra su rialto cerchi pietra intorno ad alcune piante (---o tamarindo) legumi? coltivati fra il frumento Tindur – pianta a foglie rosso corallo mattone Sopra a ciglioni c’è il bosso e alberi media altezza, foglie caduca come le nostre – aspetto invernale fiumi colli, vallate, sassi, acace coi soli legumi pendenti, senza foglie.

 

 

pag diarioII 0035

 India I pag 35 

Hyderabad 6 - Marzo - 23

 

Arrivo alle 20½ (a Hyderabad) La città è piena di lumi, in un recinto vedo appesa bandiera di carta per festa. Alla stazione vedo molti fez, le prime donne velate. Eleganti i giovani maomettani col palandrano strettissimo e lungo e i pantaloni strettissimi sotto il ginocchio.

Alloggio in un povero alberguccio stile locale di nome:Viccajee e C.

 

 

 

foto 00471

foto 00472

pag diarioII 0036

 India I pag 36 

Hyderabad 7- Marzo - 23

 

Costruzioni islamiche graticole sulle terrazze – cupoletta donne con semplici bastoni in alto e vestite coperte – soldati vestiti bleu con turbante a punta facce e piedi nudi, cinturone righe gialle e nere. Mi reco al Narah Dennnan Jazi-ud Daivlat per avere permesso visitare Golconda Saizabad belle fioriture di rampicanti solferino. Caserme ovunque verso --. Caserma con facciata imitazione greca dorica. --- e gradinate balaustre e terrazze italiane di azalee e propri giardinetti e sempre muretti nelle vie colle piante --- sporgente e le palme, tamarindi ficus. Riso sul greto, ---, donne ---

 

pag diarioII 0037

 India I pag 37 

Hyderabad 7- Marzo - 23

 

negozi caprioli imbalsamati giocattoli per bimbi, --- con ogni cosa legno vecchio pentole con farina riso ecc. fabbri, pentolai ferro balconcini a graticcio sulle case terrazzine

argenteria in cofanetti di legno e vetri vecchi – borsettai stoffe specchi vetri spezie – bibite in scaffali, il tutto con un aspetto stantio, trasandato ventagli a scure anelli per piedi e maniberretto seta a righe dorate verdi e argento --- stesi sulle stuoie nelle ante sale sotto le colonnette--- o dipinte monete ---, aggiustatore stoviglie, botteghe con erbette moresche grandi finestre grati orlati o a griglie con

 

 

pag diarioII 0038

 India I pag 38 

Hyderabad 7- Marzo - 23

 

finestre porte che danno su cornici dove la gente esce a guardare sulla strada, ornamenti scolpiti a ricami e gilet verdi e una donna con vestito bianco, velato stoffa al capo. Palazzo Nazam fine bianco persiano stile Theran bel cortile e giardini con fioritura e porticati con lampadari e piccoli tabernacoli sulle cantinate – intorno mura ferite di punte e alberi tamarindo.

Palazzo a S della città su collina con bella vista sul piano di Hyderabad con punte di minareti e cornicioni moreschi e cupole sporgenti dalla verdura e qualche terrazzo bianco. Il palazzo è puro stile moresco e un secondo con la facciata a N in stile greco – grande stonatura.

 

 

pag diarioII 0039

 India I pag 39 

I soldati a Golconda 7- Marzo - 23

 

Entrata mura merlate fossato enorme nella campagna a collinette sassose sovrapposte massi. Girando entrata massiccia, tortuosa con porta di teak con parete ferro per elefanti, entrata scalini rossi palle cannoni (e cannoni) ammassate – con mura ricostruite, massicce, archi abbandonati, resti di giardini con pietre e cancelli rovinati resti di palazzi e archit. moresche, gente seduta botteghini o per terra* case con soggetta a portichetto, miseria scoiattoli, moschee grandi e piccole, palazzi enormi mura finestra a S --- esco tra cortili con ficus.

 

 

pag diarioII 0040

 India I pag 40 

Golconda 7- Marzo - 23

 

altra porta altro cortile e mura e pace, gli abitanti sembrano dei sopravvissuti, le galline chiocciano in un angolo pochi uccelli cantano sulle rovine. Mura dei palazzi maggiore di 2 o 3 metri porta senza stipiti e finestre --- svasati, antri pieni di rottami pietre e di mistero. 2 costruzioni massicce ai lati formano pilastri per un’entrata assai ben conservate, hanno una specie di atrio all’interno. Salgo al forte sulla collina, entro per il gran portone circondato da massicce mura e nascosto di fronte da un rialzo di pietra ad argine smerlato, si accede per 2 gradinate alla terrazzetta. Si incontra a sinistra un palazzo a porticati bassi e massiccio tutto pietrame comincio a salire la larga scalinata

 

 

pag diarioII 0041

 India I pag 41 

Golconda 7- Marzo - 23

 

con gradini di granito rosa storti mal connessi e primitivi, sembra una lunga mulattiera (--- orientale) svolta costeggiando la collina tra mura merlate che salgono secondo il pendio trovo una larga terrazza da cui si dominano le tombe e la città a oriente trovo un torrione con posto di vedetta che incombe sulla gradinata, pietra grigia certi a nerastra ferrigna – sporti, poi a terrazzetta, una moschea bianca e poi un tempio hindù a idoli dorati sotto due macigni a --- in bilico con alberi che superano i macigni e sembrano far corpo – bella la piegatura delle mura con la merlatura e le feritoie e i corridoietti, i muretti supplementari, i macigni che fannoda sostegno ai muri – finalmente un cancello che da adito allo spiazzo più alto dove sorge un edificio bianco moresco con una terrazza (sala è sopra) alla quale salgo e una loggetta da cui si domina tutta la pianura.

 

 

pag diarioII 0042

 India I pag 42 

Golconda 7- Marzo - 23

 

A ovest contro il sole che si raccorda dietro nubi grigi e cola raggi a sprazzi di luce intensa su qualche laghetto e sulla pianura di piccola erba arsiccia e di collinette a massi caffè, qualche fraticello è più verde, qualche piantina è più chiara, qualche macchione di terra- mento rompe le monotonie, lontano --- su al gran ---, qualche tratto coltivato verdissimo con aceri. una strada corre solitaria, le mura sinuose rasentano il forte sotto il piano della cittadella e si allontanano con vedetta e torrioni in un muro più interno aspetto apra i suoi portoni segreti. A N.W. le tombe circondate da un muro e sparse di alberi; tre giganteggiano altre son più lontane verso i confini rocciosi . A N. vi è il ridotto della cittadella ai piedi del palazzo con grossi macigni disposti in piedi, nel recinto del forte vi è l’accantonamento e un villaggio. A Est son tutte le somme di gran palazzi contenuti nelle mura che

 

 

pag diarioII 0043

 India I pag 43 

Golconda 7- Marzo - 23

 

si allargano o distanza. vicino vi sono le alte mura simili a quelle di un castello alte sottili merlate con finestra a grati di pietra elegantissimi. poi dove sono entrato da lì con bei mobili rovinati, maschere avanzi di maschere belle rovine terrazzi a stile quadro domina intero ben conservato un palazzo di --- con un giardino al centro che sopravvive alla casa ------ casa ---cortili con terrazze e archi di loggiati, il tutto recinto da balaustre e misterioso, sembra vivere ancora nel deserto delle rovine circostanti al di là una moschea nera, e le mura casette del villaggio, poi altre mura aggiunte e poi altre case – al di là un laghetto azzurrissimo crespato e Hyderabad con i suoi minareti e le piante folte e le collinette lontane soleggiate la deviazione del fiume musi il palazzo del Nazam biancheggiante al di là del laghetto… A S. come a W pianura, sulle mura 2 ridotte e spalti con cannone e cameretta piena di ---. Un falco fa acrobazia – giunge un suono di campana a S.W. dove collina con 2 specie di acropoli a gradini.

 

 

pag diarioII 0044

 India I pag 44 

Hyderabad 7- Marzo - 23

 

Lasciato il forte di Golconda visito la bella tomba, passando altra porta con torri e cannoni appostati, poi intorno tra la folla variopinta che di sera esce dalle case, passo per Hyderabad e vedo una folla interessantissima, le donne mussulmane in calzoni e manto con la maschera al viso, le ragazzine dai pantaloncini e cappellini dorati, vestite di seta dai bei colori rosso, granato a macchie e strisce dorate, argentate belli bianchi celesti – vestiti granito – turbanti roseo rosolio giallo chiaro, amaranto e bianchi vestiti chiazzati di anilina e signori in carrozza con bei turbanti e vestiti propriamente (alla turca). Ricordo certi carri tirati da buoi con un gran timone a speronato grosso come un tronco, ed il carro sormontato da una sorta di baldacchino chiuso da drappi, guidatore in turbante (pittoresco) cavalieri del visir e ufficiali con bei cavalli poderosi lanciati al galoppo. soldati visir kuki: ---che corre --- gente col consenso delle guardie che fischiano

 

 

pag diarioII 0045

 India I pag 45 

Hyderabad 7- Marzo - 23

 

galline e cani fiumicello in una vallata piena di tombe maomettane --- ---, pecore e capre pascolanti nere anelli polvere d’oro del sole calante. Moli di Eliar ---, con centrali rigurgitanti di colori che promettono crociere. Carrozze con dame indu e 2 servi uno il cocchiere e uno dietro – odori di spezie – donne con vasi di ottone, ceste coi seni appena tenuti da un reggipetto colorato elegantissimi da --- a --- ---. Bel portamento delle vesti e manti ragazzini dagli occhi vivaci colle trecce divise. Vasai, ramai – uomini con --- di seta sul petto nudo e lo straccio al bacino e bel turbante variopinto. Di notte esco a visitare la fiera e la città vedo i caffè e le osterie indiane, incontro gente in festa, ubriachi, e mendicanti che parlano ad alta voce con l'aria ispirata. Osservo la dignità incoerente di chi versa da bere o vende dolci ad altri, e come prende i denari e li getta con una smorfia di disprezzo e un gesto largo della mano nel mucchio delle monete. Incontro gruppi a festa coi tamburelli e il piffero e uno che danza, davanti a una bottega un gruppo di suonatori seduti per terra, intorno intona un'orchestrazione originale mentre un individuo canta serenata, i curiosi stanno intorno attoniti.

 

 

pag diarioII 0046

 India I pag 46 

Hyderabad 7- Marzo - 23

 

Incontro sul porto un gruppo di gente preceduta da un vecchio con un cobra intorno al braccio, il vecchio procede saltellando come uno spiritato e si volge ogni tanto indietro a un gruppo di ragazzi mascherati e adorni di penne, con gran ventagli. Un uomo porta un faro sulla testa per illuminare la scena.

Tipi: Donne con una veste caratteristica avvolta intorno al corpo magro e gettato a manto sulla spalla sinistra veste bleu --- con filettatura giallo oro antico viso regolare ovale di un pallore caldo occhi mandorlati treccia tirata sulle tempie e divisa annodata bassa sulla nuca – braccio destro seminudo con la manica strettissima che lo modella corsetto di seta rosso cremisi orlato d'oro – bocca grande sensuale ma composta, quando sorride scopre una bella dentatura bianchissima che risalta sul brunito viso – fa gesti larghi composti con le braccia magre cariche di anelli ingemmati e discorrendo volge le dita e le ritorce in tutti i sensi come serpi nervosissime, con gesti pieni di grazia (la mano degli indiani e qualcosa di snodato e prensile, sensibilissima e adattabilissima) Le gambe sono appena velate dal tessuto leggero e sotto il corpo è nudo, senza impacci si che il corpo si modella o si indovina. Le gambe camminando si scoprono appena mostrano alla caviglia sottile, nervosa i grossi

 

 

pag diarioII 0047

 India I pag 47 

Hyderabad 7- Marzo - 23

 

anelli d'argento e gli anelli sulle dita medie dei piedi. Cammina con passo misurato, diverso dal nostro e --- un poco il piede forse forzata a questo dalle imbullature-(alcuni hanno su ogni dita del piede una specie di scudo a maglie con l’anello che passa sotto e portano 4 o cinque anelli d’argento pesantissimi; camminano piano facendo --- le loro pastoie. Ragazzini Hindu corsaletti di seta viso largo occhi vivaci un po’ sporgenti piccoli orecchini al neso e orecchi, collane multiple fili di perle contorno orecchi occhi bocca e straccetto e vesti indù, codini di trecce bocca da poppatoio anelli ai piccoli vivaci. Donne coreane grasse, con belli occhi di --- dietro i fori delle maschera – tinta olivastra e ragazzi pantaloni ciabatte a punta all'insù camicia a --- berretto tondo o berretto astrakan con la calotta superiore a raggera oro su fondo nero. uomini sandali straccio bianco uso pantalone come bramini – giacca a corsale lunga camicia a larghe maniche – straccio gettato sulla spalla turbantone sviluppatissimo a più setacciature con coda e pennacchio. Altri specie giovani alla maomettana pantaloni aderenti al polpaccio calze

 

 

pag diarioII 0048

 India I pag 48 

Hyderabad 7- Marzo - 23

 

e scarpette --- o pantofole lunga giacca a soprabito aderente alla vita larga all’altezza delle ginocchia, ricche di pieghe laterali – fez in testa o berretto astrakan --- scuro – bottoni metallo o all’ussara alcuni turbanti sono bassi, larghi, con la calottina al centro (rivedo qui i berretti a turbantino del Sud India a liste d'oro e kaki intrecciati)) Visi: Alcuni caratteristici --- flosci scavati occhi a --- marcati – ombrature sulle cavità altri ancora --- davanti con occhi giallini velati labbra sporgenti barbe baffi --- e pettinatura traccagna. Tipi a occhi da falco viso appuntito all'ingiù liscio e --- come le bisce, naso da --- guance appuntite nerissimi, viso affilato sguardo fiero – espressioni del serpente pitone. Altri tipi piccoletti non son veri, falsi pretenziosi sorriso ironico, ignorantissimi vecchi occupanti posti negli uffici o nei ristoranti. tipi a baffi spioventi come nostri contadini, bocca pronunciata parlanti a denti chiusi aprendo le labbra mobili (---- al Mukurti) tipo mongolia con occhio obliquo, giallo venato pronto a diventare cattivo, che sfugge lo sguardo del bianco ( ric. Sikasi tipi di giovinetti regolari tondetti, ottusi di cervello. Mendicante capelli e barba lunga, lanosa vestiti come cristo. (Ricordo saluto cerimonioso tra mendicante ciarlatano e signore con casco variopinto e casacca bianca.

 

 

foto 00473

foto 00474

foto-locatelli-00475

foto-locatelli-00476

foto-locatelli-00477

foto 00478

foto 00479

foto-locatelli-00480

foto-locatelli-00481

foto-locatelli-00482

foto-locatelli-00483

foto 00484

foto 00485

foto-locatelli-00487

foto-locatelli-00488

foto 00489

foto 00490

foto-locatelli-00491

foto-locatelli-00492

foto-locatelli-00505

foto 00493

foto 00494

foto 00495

foto 00496

foto 00497

foto 00498

foto 00499

foto 00500

foto-locatelli-00501

foto 00502

foto 00503

foto-locatelli-00506

foto-locatelli-00507

foto 00508

foto 00509

foto-locatelli-00510

pag diarioII 0049

 India I pag 49 

Viaggio Hyderabad Bombay 8- Marzo - 23

 

Partenza ore 9.20 ricordo le donne hanno sempre viaggiando il loro vasello di ottone estremamente grazioso nel pittoresco insieme. Altri uomini hanno una specie di gilet lunghissimo camicia di seta a colori cremisi e albicocca a fiori – pantofole cuoio a barchetta borchiate, rosso cuoio nera o verde. Ragazzini con codini di treccia, talvolta la treccia comincia sulla fronte da spinoso bipartiti tipi anglo indiani e ind. del Nord hanno un colore chiaretto e un portamento segolino con ombrature d’ombra sulle pieghe del viso e sulle giunture. Le ragazze stanno male vestite all'europea. Gli uomini e i ragazzi imitano gli inglesi con i pantaloni corti e i calzettoni, ginocchia nude - ---

Ritorno a Wadi fin vesrfo 2 fiumi. --- e pavimenti calce(trave) è st dopo Wadi villaggi di paglia bianchi vecchi che corrono al treno gridano e salutano – bovini sdraiati e --- col carico sulla schiena, --- neri e bianchi, --- uccelli neri --- --- --- che volano stentati palme, cotone fiorito, fichi acacie zucchero (ricordano l'indaco a Madura) banda con poca gente, ciglioni lontani e tortorelle

 

 

pag diarioII 0050

 India I pag 50 

Viaggio Bombay 8- Marzo - 23

 

dopo Gulbarga piove nuvole grigie all'orizzonte Est tutte le stazioni seguenti alla campagna umida di pioggia. Dormo tutta la notte al levar del sole mi sveglio a un'ora da Bombay. Bella montagna dai profili accidentati sparsi laghetti inond fiume luccicanti nell'alba (albero) palma Palmira e datteri – mango. Sobborghi treni di molte compagnie --- alle 7.35 mattino sono a Bombay.

 

 

 

pag diarioII 0051

 India I pag 51 

Bombay 9- Marzo - 23

 

Arrivo alle 7.40 del mattino all'hotel Majestic tenuto da un italiano: Viglietta. Conosco 2 italiani – Il fascista Venturini di Venezia e Levi che mi invitano per una caccia al cinghiale e cervo sul territorio di Poon per l'indomani.

Bombay --- sue vie pavimentate e bei palazzi in stili importati dal N.Europa impressiona chi arriva e non mancano bei costumi indiani di ricchi Parsi e Indu.

Vado a passar la sera nell'ora del crepuscolo a Malabar Hill passando per il gran viale a fondo catrame che costeggia il mare e sale con --- --- al bel colle dove si domina la città e l'arco del suo mare esterno alla baia.

Nei giardini in una luce gialla di sole caldo che tramonta vedo una delle folla più pittoresca che si possa vedere nel mondo.

Serata noiosa di città provinciale.

 

 

foto-locatelli-00526

foto 00523

foto 00522

foto-locatelli-00529

pag diarioII 0053

 

 India I pag 53 

Bombay 11- Marzo - 23

 

Ore 6 sveglia sorge sole. Partenza 4 guide e ho sikar e battitori. boscaglie a larghe foglie accartocciate dalla siccità che avanza. Ci appostiamo una prima volta in linea in un valloncello e i sikari avanzano in catena battendo con bastoni i cespugli e gridando con grida folli. I cinghiali avanzano fuggendo e cascan sotto il nostro tiro. Si son stesi subito Vediamo una cerva, ma la risparmiamo perché è proibito uccidere le femmine. tra le corone di verdura ormai cadenti, arsicce come l’erba che è più scura e lucida di seta vediamo il castello fantastico dei monti lontani verdi azzurro. Sete – pavori che fuggono volo ---e serpenti che attraversano il mirini. avvoltoio – gazzella che va e viene. Branco di cervi distratti. Piccoli uccelli – lepri -

 

 

pag diarioII 0054

 India I pag 54 

Bombay 11- Marzo - 23

 

Pavoni penultima battuta – caldo di vampate arsura, vento caldo e stormi di foglie secche o di rami aridi- Ritorno al villaggio. Bestie appese albero o mango – villaggio bimbi nudi e bambini e donne con braccialetti colorati tutto intorno, lotta di due torelli pranzo sotto tettoia paglia – capanna di canne e fango vuoto, con qualche asta. Partenza con le bestie appese zampe. arsura vampate fieno secco rocce infuocate – cristalli --- agate fiume, rinfresco, staz. Lasciamo Ore 8 dopo passaggio isola canali con barche vela punte: Bombay – buio.

 

 

foto 00547bis

foto 00548

foto-locatelli-00549

foto-locatelli-00551

foto 00550

foto 00552

foto-locatelli-00553

foto-locatelli-00554

foto-locatelli-00557

foto 00555

pag diarioII 0055

 India I pag 55 

Bombay part. Ellora 12- Marzo 

 

Indirizzi:… Visito porto – baja verso E. magnifica col sole mattutino. Alle 15.45 parto per Ellora – vedo a N. campagne ormai disseccate aspetto autunnale fieno secco per terra. montagna con campanili di roccia. Gli scoglioni delle rocce a strati son segnati di fieno giallo oro e la roccia a nera fioritura.

 

 

 

 

pag diarioII 0056

 India I pag 56 

Bombay part. Ellora 12- Marzo 

 

buffali e vacche che vanno cercando l'ultimo fieno. Donne che si bagnano in pozze d'acqua nude coi panni variopinti stesi al sole il terreno all'interno sembra formato di avvallamenti e doline, montagne alte a catene multiple, tagliate a fattezza naturale. zingare

 

 

 

 

 

foto 00558

foto 00559

foto-locatelli-00560

foto-locatelli-00561

Cerca

foto-lato-02046