biografia breve 

Antonio Locatelli

Nasce il 19 aprile 1895 a Bergamo 

nel 1913 prende il diploma di capotecnico, perito industriale, all'Istituto industriale di Bergamo e inizia subito a lavorare a Genova all'Ansaldo, dove in breve tempo diventa "direttore dei controlli e sorvegliante dei reparti di fucinatura". 

La guerra

chiamato alle armi nel gennaio 1915(quattro mesi prima dell'entrata in guerra) diventerà pilota scegliendo la specialità aerea della ricognizione dove grazie al suo eccezionale senso dell‘orientamento e con l'ausilio di fotografia e disegno, discipline di cui inizia ad avere una certa competenza, riesce a compiere sorvoli audaci e importanti per la difesa delle truppe italiane al fronte e le imprese lo rendono celebre quale "eroe" della Grande Guerra.

Abbattuto e fatto prigioniero nel settembre 1918, grazie alla padronanza della lingua tedesca, travestito da soldato austriaco, riesce con una rocambolesca fuga a riguadagnare il suolo italiano. Dall'esperienza trae l'ispirazione per il romanzo autobiografico "Le ali del prigioniero“ pubblicato, con gli auspici di Gabriele D'Annunzio, dall'editore Treves di Milano nel 1924 Alla fine della guerra riceve la prima medaglia d'oro al valor militare.

Il volo su Vienna

il 9 agosto del 1918 partecipa al volo su Vienna con Gabriele D'Annunzio che lo definisce "il mio leone di guardia". Un volo di quasi 8 ore. In quell'occasione scatta le fotografie che ritraggono la città di Vienna dall‘alto invasa dai manifestini con i proclami di D'Annunzio ai viennesi.

La trasvolata delle Ande

nel gennaio 1919 membro di una Missione militare italiana per la promozione aeronautica del nostro paese, si imbarca per l'Argentina. Dopo varie esibizioni con i suoi compagni decide di intraprendere l'impresa di attraversare le Ande nel punto più alto. Il 30 luglio (inverno nell'emisfero sud) parte da Buenos Aires, sorvolata la Cordigliera delle Ande a quasi 7000 metri di quota passando accanto al "Cerro dell'Aconcagua", supera lo spartiacque ed atterra a Viña del Mar, (Valparaíso), in Cile. Si tratta della prima trasvolata aerea delle Ande (con annesso servizio postale) che poi ripete dal Pacifico all'Atlantico, da Santiago a Buenos Aires, in una sola tappa.

Il giro del mondo

nel gennaio del 1923 parte per effettuare quello che definisce "il mio viaggio di istruzione intorno al mondo". Da Bergamo a Brindisi in treno, poi si imbarca sul piroscafo "Trieste" e con i mezzi che troverà, durante i nove mesi del viaggio, attraversa Egitto, Ceylon, India, Birmania, Siam, Cina, Manciuria, Corea, Giappone, Nord America e riporta quasi 3500 negativi fotografici e 10 taccuini dove, oltre il racconto dettagliato delle varie tappe, sono presenti circa 300 disegni.

La trasvolata atlantica

nel luglio del 1924 col Tenente Crosio e altri tre componenti dell'equipaggio parte a bordo dell'idrovolante Dornier Wal "I-deor" per tentare la trasvolata atlantica, un volo complessivo di circa 6000 km. Le impossibili condizioni meteo lo obbligano ad ammarare nell'oceano al largo di Capo Farewell (Groenlandia) da dove non riesce più a ripartire a causa delle onde e della fitta nebbia. Al quarto giorno viene raggiunto dall'incrociatore americano Richmond che per un "errore di manovra" distrugge l'aereo e poi lo affonda per eliminare il relitto potenzialmente pericoloso.

Deputato al parlamento

dal 1924 al 1928 dando seguito alla sua adesione al movimento fascista della prima ora, quello animato dallo spirito diciannovista, è deputato al parlamento, dove si occupa prevalentemente dei problemi dell'aviazione criticando fortemente il governo di non contribuire efficacemente al suo sviluppo, cosa che, a suo parere, accade negli altri paesi (nel 1925 il "Commissariato per l'aeronautica" diventa Ministero con a capo lo stesso Mussolini e sottosegretario il generale dell'esercito Bonzani-cui subentrerà Italo Balbo che nel '29 diventa Ministro).

Il soccorso a Nobile

nel 1928 chiede di poter partecipare alle ricerche del generale Nobile disperso al Polo con il dirigibile Italia ma, pagando per le sue critiche all'aviazione, la richiesta gli viene negata. Come accade ai cosiddetti "senatori dell'aria" o eroi del volo della Grande Guerra anche Locatelli viene messo da parte dall'aviazione italiana ormai egemonizzata da Balbo e dalla sua concezione di "volo collettivo" a discapito delle singole eccellenze.

Il giornalismo

nel 1929 inizia una collaborazione, 2 articoli al mese, con il "Corriere della sera" e diventa direttore della Rivista di Bergamo.

Podestà

alla fine del 1933Locatelli viene nominato podestà di Bergamo. Si dedica con grande passione allo studio per il risanamento di città alta, progetto di Luigi Angelini. Già l‘anno successivo, a causa della legge che impedisce ai celibi di ricoprire cariche pubbliche, e a vari contrasti con il federale Valli, dà le dimissioni da podestà.

Di nuovo soldato

nel gennaio del 1936 parte per Mogadiscio assegnato all'aviazione di ricognizione della Somalia. E come nella Grande guerra portò a termine il suo lavoro con grande dedizione, disegni foto descrizioni delle postazioni nemiche.

Incaricato dal generale Graziani per una missione di verifica dei focolai di rivolta ai margini dell'impero parte con il generale di brigata aerea Vincenzo Magliocco il 26 giugno a capo di uno dei tre aerei della spedizione, per Lekempti. I tre equipaggi organizzarono un campo intorno ai tre velivoli, ma la notte vengono assaliti da un gruppo di ribelli. Dopo essersi difesi strenuamente vengono tutti uccisi, tranne padre Borello, che si allontana poco prima dell'attacco, e bruciano nel rogo degli aerei incendiati.

A Locatelli e agli altri componenti dei due equipaggi viene concessa la medaglia d'oro al Valor Militare. Antonio Locatelli è l'unico militare dell'Aeronautica decorato con tre medaglie d'oro.

 

Cerca

foto-lato-02046